“Alla base dei libri c’è l’alfabeto;

alla base del cibo, il sale”  

(proverbio eritreo)

 

La crosta di sale scricchiola: gli animali avanzano, nella luce livida del mattino. Più avanti, altre carovane, altri cammelli… Sembrano galleggiare nell’orizzonte, senza gambe.

Vanno tutti là, in mezzo alla distesa bianca.

Ecco finalmente dove si scava!

Attrezzi arrugginiti spaccano la superficie, poi pali di legno sollevano grandi lastre. Lì vicino altre mani, coperte di cristalli tutto il giorno; altri occhi, socchiusi per il riverbero, fissi sui blocchi da sagomare.

Guardare altrove mette paura: meglio riempire di fatica il vuoto, allora.

Il sole si è alzato, fa caldo. La melma salmastra cuoce i piedi. Le pile di mattonelle sembrano piccoli castelli salati.

Asini e cammelli, immobili, aspettano di essere caricati. Percorreranno valli e montagne con il loro prezioso tesoro.

Adesso è ora di tornare, sulla stessa pista bianca. Un giorno, non lontano, grossi camion la sporcheranno.

© Enrico Madini  2015

Per un altro articolo sulla Piana del Sale cliccare qui

 

Licenza Creative Commons

Tutto il materiale contenuto in “Alla base dei libri…” di Enrico Madini è distribuito con licenza

Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

 Creative Commons Attribution 4.0 International License

Per richieste di autorizzazione, scrivere all’autore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Latest Posts By Enrico Madini

Categoria

Reportage

Tag

, , , ,